le ultime notizie

Befana COISP 2017

Pizzata COISP 2016

tutta colpa di Starsky e Hutch

Torneo calcetto dedicato a Roberto Anzolin

Pagano loro...paghiamo tutti

noi cretini..e loro vittime

Non dobbiamo preoccuparci ?

il COISP incontra il Capo della Polizia Franco Gabrielli
Comunicati - News
Martedì 04 Aprile 2017 22:35

Nel pomeriggio odierno la Segreteria Nazionale del COISP ha nuovamente incontrato il Capo della Polizia Prefetto Franco Gabrielli.

Si è trattato del quarto di una serie di incontri che con il Prefetto Gabrielli si è concordato di tenere al fine di analizzare e trovare giusta soluzione a molteplici problematiche che il COISP ha portato all’attenzione del Dipartimento.

Al Capo della Polizia è stata nuovamente rappresentata l'esigenza di disciplinare la mobilità del personale e sono stati puntualizzati i non pochi disagi che i Poliziotti che aspirano ad essere trasferiti sono costretti a subire a causa della mancanza di regole chiare e di trasparenza, regole che l’Amministrazione si era peraltro pure data (ma continua a disattendere) con la circolare del 14 maggio del 2012 con la quale erano stati introdotti nuovi criteri oggettivi e relativi parametri di valutazione finalizzati alla formazione di graduatorie a cui far riferimento per la mobilità a domanda del personale della Polizia di Stato dei ruoli dei Sovrintendenti, Assistenti ed Agenti che aspiri al trasferimento presso sede diversa da quella in cui presta servizio.

Al Prefetto Gabrielli è stata anche evidenziata la distorta applicazione della mobilità a domanda ai sensi dell'art. 55 DPR 335/82 il quale prevede che "Il trasferimento ad altra sede può essere disposto anche in soprannumero all’organico dell’ufficio o reparto quando la permanenza del dipendente nella sede nuoccia al prestigio dell’Amministrazione o si sia determinata una situazione oggettiva di rilevante pericolo per il dipendente stesso, o per gravissime ed eccezionali situazioni personali" ed è stato sottolineato che appare pressoché inverosimile condizionare la previsione di applicazione del predetto articolo, ovvero le gravissime ed eccezionali situazioni personali rappresentate dal dipendente, ai benefici previsti dalla legge 104/92. In poche parole oggi l'Amministrazione accorda il trasferimento al dipendente solo nel caso in cui i gravi motivi rappresentati siano condizioni di gravità legate a situazioni previste dalla legge quadro per i portatori di handicap.

Nel merito di quanto sopra il Capo della Polizia ha assicurato che a breve sarà riaperto il confronto con le OO.SS. per addivenire ad una circolare condivisa che regoli in modo chiaro e trasparente la mobilità a domanda del personale della Polizia di Stato.

Il COISP ha quindi denunciato al Capo della Polizia le innumerevoli ed annose problematiche relative al pagamento del trattamento di missione nei confronti del personale citato a testimoniare in Tribunale fuori dalla propria sede di servizio per fatti connessi all’espletamento del servizio o all’assolvimento di obblighi istituzionali.

In particolare, nel ricordare la circolare del 18 marzo 2009, recante prot. 557/RS/CN.10/0734, a firma dell’allora Capo della Polizia Prefetto Antonio Manganelli, con la quale per ciò che concerne il “Trattamento di missione” venne finalmente chiarito che il personale della Polizia di Stato comandato fuori della propria sede di servizio a testimoniare dinanzi all’A.G., per fatti conseguenti all’espletamento del servizio o all’assolvimento degli obblighi istituzionali, ha diritto, da parte della propria Amministrazione (non da altri!!), alla corresponsione del trattamento economico di missione, è stato lamentato che tali disposizioni sono state considerate carta straccia per moltissimi, tant’è che il più delle volte continua a verificarsi che i nostri colleghi, comandati a testimoniare fuori sede per ragioni connesse al servizio, ricevono dagli Uffici Amministrativo e Contabile l’anticipo delle spese di viaggio, vitto e alloggio, e poi tali Uffici, a distanza anche di anni, non avendo ricevuto dal Tribunale gli emolumenti per la testimonianza resa dal poliziotto, effettuano (senza alcuna preventiva comunicazione!!) una trattenuta sulla busta paga di quest’ultimo così da recuperare le somme non riscosse dall’A.G. o comunque ne chiedono l’immediato rimborso.

Si è anche rappresentato che in altre circostanze – sempre disattendendo la suddetta circolare – si è preteso che il personale vada a rendere la testimonianza fuori sede a proprie spese in quanto le stesse dovrebbero poi essere corrisposte dal Tribunale ….. che lo fa anche dopo 23 anni!

In buona sostanza, nonostante la suddetta circolare, si continua a negare ai poliziotti l’indennità di missione a carico della nostra Amministrazione, oppure si prelevano coattivamente dalle tasche dei predetti quei rimborsi che l’Amministrazione non è capace di farsi garantire dal Ministero della Giustizia.

Il Capo della Polizia, perso atto di quanto sopra, ha assicurato un immediato intervento con l'emanazione di un’apposita disposizione.

Il confronto è proseguito con l’analisi di alcune situazioni operative difficili con le altre Forze di Polizia sul territorio relativamente alle deleghe di indagini e/o accertamenti da effettuare.

Non poteva mancare da parte del Coisp la ribadita richiesta di analizzare compiutamente le attuali normative riguardanti le tutele legali con riferimento anche alle inaccettabili decisioni poste in essere molte volte dall’Avvocatura di Stato per quanto riguarda i pagamenti delle spese di difesa.

L’incontro con il Prefetto Gabrielli si è concluso affrontando brevemente alcune vertenze territoriali da tempo pendenti le quali saranno oggetto di specifici approfondimenti nel corso di un successivo incontro che si terrà a breve.

Allegati:
FileDimensione del FileModificato il
Scarica questo file (170403 RM CO il COISP incontra il Capo della Polizia Franco Gabrielli.pdf)il COISP incontra il Capo della Polizia Franco Gabrielli167 Kb04/04/2017 22:36
 
riordino carriere, abbiamo prova che ci hanno ascoltati ma si puo' fare meglio
Comunicati - News
Giovedì 23 Febbraio 2017 20:35

Riordino carriere, appena licenziato il testo presentato dal Ministro dopo lunghi confronti con i Sindacati, il Coisp: “Recepiti molti nostri input. E’ la prova che siamo stati ascoltati ma si può fare di più”

 

“Siamo ancora lontani da ciò che riteniamo indispensabile che si faccia in tema di riordino delle carriere, ma il testo licenziato poco fa dal Consiglio dei Ministri non è certamente da buttar via. Quanto proposto dal Ministro è il risultato di lunghi e serrati confronti che abbiamo portato avanti per mesi, e che non possiamo esimerci dal definire proficui e corretti perché molti nostri input sono stati recepiti. Basti pensare che siamo partiti da una cifra ridicola da avere a disposizione fino ad arrivare grazie alle nostre ferme argomentazioni ad una previsione di 967 milioni di euro che non sono bruscolini e che ci consentirebbero di fare parecchio”.

 

E’ il commento a caldo di Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, al termine del Consiglio dei Ministri con cui è stato dato il via libera a cinque decreti attuativi fra cui la “revisione dei ruoli delle Forze di Polizia”.

 

“Aspettiamo il riordino dal 1995 ed è proprio il senso di responsabilità e di correttezza nei confronti dei Poliziotti italiani che ci porta a fare valutazioni equilibrate invece che lasciarci andare ai soliti catastrofismi che fanno apparire più agguerrito chi critica di più a priori. E’ chiaro che ci aspettiamo e auspichiamo ulteriori migliorie al testo, che potranno arrivare nel passaggio alle Commissioni, ma al momento stigmatizziamo con forza le critiche distruttive di quei Sindacati che tentano così solo di accaparrarsi consensi facendo leva sul forte senso di frustrazione dei colleghi, che vengono in tal modo ulteriormente aizzati. Definire disastrosa qualcosa che in realtà non lo è, vuol dire tentare di annientare ed annichilire anche il lavoro serio e concreto che abbiamo fatto in questi mesi nel solo ed unico interesse dei colleghi, e che continueremo a fare senza sosta e senza sconti per andare verso un testo definitivo che si può migliorare ancora”.

Ed oltre al Ministro dell’Interno Marco Minniti che ha fatto “sentire” la Sua presenza ed impegno, non possiamo non indicare anche il Capo della Polizia Franco Gabrielli ed il Vice Capo Matteo Piantedosi quali artefici dei miglioramenti che si sono registrati nel testo del riordino. Avremmo voluto e si sarebbe dovuto fare di più ma ricevere il plauso quantomeno per l’impegno da chi, come il Coisp, non è mai prodigo di complimenti, è garanzia di concretezza e serietà per questi alti Rappresentanti.

 

E va riconosciuta!

Allegati:
FileDimensione del FileModificato il
Scarica questo file (170223 RM CO riordino carriere, abbiamo prova che ci hanno ascoltati ma si puo' )riordino carriere, abbiamo prova che ci hanno ascoltati ma si puo' fare meglio160 Kb23/02/2017 20:35
Ultimo aggiornamento Giovedì 23 Febbraio 2017 20:39
 
forze dell'ordine senza mezzi e l'accoglienza delle inammissibili frivolezze
Comunicati - News
Domenica 05 Febbraio 2017 14:31

Lezioni di sci gratis ai richiedenti asilo, il Coisp: “L’inammissibile frivolezza del sistema di ‘accoglienza’ in Italia, mentre le Forze dell’Ordine combattono ogni giorno senza mezzi!”

 

“Leggiamo dell’ultima follia concepita in un sistema ‘dell’accoglienza’, quello italiano, fatto di inammissibili frivolezze, di assurde leggerezze, di inconcepibili iniquità, un business dello sfruttamento assoluto delle casse di uno Stato per il quale noi, invece, combattiamo ogni giorno senza mezzi e senza alcuna tutela. Lezioni di sci gratis ai richiedenti asilo?

E’ una vergogna senza pari, mentre tanti italiani stentano ad arrivare a fine mese in condizioni quantomeno dignitose e mentre il Personale in divisa è costretto a sacrifici inenarrabili per portare a casa la pelle, e poi anche per tentare di sopravvivere fra le mille insidie di un lavoro troppo dato per scontato”.

Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia commenta indignato le ultime notizie in tema di accoglienza dei richiedenti asilo giunti clandestinamente in Italia, che questa volta provengono da Udine e parlano di corsi gratuiti di sci finanziati con i soldi della Ue per favorire l’integrazione.

“Vitto alloggio e assistenza di ogni genere – aggiunge Maccari – e adesso anche passatempi e lussi.

Lussi sì. Perché questo sono gite sulla neve e lezioni di sci gratis. E oltre tutto questo avviene mentre ci sono italiani che vitto alloggio e assistenza non ce l’hanno… e che non osano neppure sognare i lussi che invece concediamo ai clandestini senza battere ciglio. La domanda è: perché garantire ai richiedenti asilo un tenore di vita che non è reale perché non viene garantito ai cittadini di questo Paese? In Italia le emergenze sono così tante che non si sa neppure da dove cominciare, e non si può restare indifferenti di fronte alla spesa di soldi pubblici per garantire lezioni di sci gratis a chicchessìa, meno che mai se a beneficiarne sono persone che non hanno di fatto alcun merito né hanno conquistato alcun privilegio in alcun modo. E meno che mai se servizi essenziali, come certamente è il garantire la sicurezza, stentano ad essere forniti ai cittadini che pure fanno la loro parte per mandare avanti questo strano e ingrato Paese”.

Allegati:
FileDimensione del FileModificato il
Scarica questo file (170204 RM CO forze dell'ordine senza mezzi e l'accoglienza delle inammissibili f)forze dell'ordine senza mezzi e l'accoglienza delle inammissibili frivolezze194 Kb05/02/2017 14:32
Ultimo aggiornamento Domenica 05 Febbraio 2017 14:35
 
Terroristi ospiti al Senato Le Istituzioni dicano no
Comunicati - News
Lunedì 16 Gennaio 2017 19:03

Il 19 gennaio i terroristi Coi e Grena invitati al Senato per la presentazione del libro sugli “anni di piombo”, il Coisp insorge: “Vittime e cittadini non devono subire ancora, le Istituzioni dicano no”

 

 

“I terroristi Andrea Coi e Grazia Grena invitati come ospiti alla presentazione di un libro a Palazzo Madama… ma è possibile che in Italia non riusciamo a dimostrare di conoscere il significato delle parole vergogna, opportunità, pentimento? Le Istituzioni italiane, chi le incarna, chi ha l’onore e l’onere di rappresentarle e con esse l’intera cittadinanza, ha il dovere di impedire che l’abominio della violenza e della prevaricazione, l’orrore della lotta armata per l’antistato, trovino ancora spazio dopo tutto il sangue versato negli anni peggiori della nostra storia più recente. Ospitare dei terroristi al Senato della Repubblica italiana, che sia per la presentazione di un libro o per qualsiasi altro motivo, porgergli un microfono e con esso la possibilità di mostrarsi come persone che abbiano titolo per insegnare o trasmettere qualcosa di buono è disgraziatamente irresponsabile, offende in maniera orrenda la memoria di chi è morto per mano di feroci criminali, calpesta senza ritegno la dignità di famiglie condannate alla sofferenza a vita per la perdita degli affetti più cari. Chi ha scelto di far parte a qualunque titolo dell’orrore chiamato terrorismo potrebbe avere una sola cosa da trasmettere, il rimorso più corrosivo, ma può farlo solo rimanendo nel dovuto silenzio che accompagna il vero pentimento o producendo fatti concreti ma altrettanto silenti”.

Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, a proposito della notizia dell’appuntamento fissato per il 19 gennaio a Palazzo Madama per la presentazione de “Il libro dell’incontro. Vittime e responsabili della lotta armata a confronto”, cui sono stati invitati Andrea Coi e Grazia Grena, entrambi condannati per terrorismo, ed a cui dovrebbero a quanto pare presenziare anche il Presidente del Senato e il Ministro della Giustizia.

“Rispetto a questa iniziativa editoriale e ad altri incontri per la sua presentazione – aggiunge Maccari -, sentiamo e leggiamo di un’idea che vorrebbe muoversi nel solco della ‘giustizia riparativa’ e del cambiamento che l’abominio degli ‘anni di piombo’ ha prodotto nella vita dei protagonisti. Concetti che non solo non devono essere demonizzati, ma anzi che potenzialmente portano con sé qualcosa di buono, e cioè l’esplorazione della disperazione, del dramma prodotto dalla violenza bestiale dei terroristi. Ma la domanda è: quale significato ha, in concreto, il concetto del rispetto per chi ha sofferto e soffre ancora a causa di quella violenza. La vera giustizia riparativa non può prescindere dalla convinta partecipazione delle vittime al lungo e doloroso percorso che serve. Ebbene, ci sono vittime del terrorismo che non gioiscono affatto all’idea di incontrare i loro carnefici, nemmeno di sognano di farlo e, anzi, vivono come un insopportabile offesa il fatto che tanti terroristi siano divenuti addirittura personaggi pubblici. Di loro, però, è facile fregarsene evidentemente. Ci chiediamo: la vera riparazione passa per l’esaltazione di un terrorista attraverso l’ospitata in Parlamento? Il vero pentimento è tale se viene espresso a chiacchiere di fronte a microfoni e telecamere e meglio ancora se in sedi istituzionali? Qualunque sia la risposta a queste domande – conclude Maccari – rimane comunque il fatto che il rispetto per le vittime che soffrono profondamente di fronte ad iniziative come questa, compresi noi che contiamo tante divise insanguinate nell’adempimento del dovere di difendere lo Stato da quei criminali esaltati di allora che oggi sono ospiti d’eccezione in tanti salotti, aule e colonne di giornali, dovrebbe obbligare le Istituzioni a dire no a certe spettacolarizzazioni orrende della violenza più vigliacca”.

Allegati:
FileDimensione del FileModificato il
Scarica questo file (170116 RM CO Terroristi ospiti al Senato Le Istituzioni dicano no.pdf)Terroristi ospiti al Senato Le Istituzioni dicano no69 Kb16/01/2017 19:04
Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Gennaio 2017 19:04
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 122