le ultime notizie

No alla chiusura del Comm.to di Marghera

Torneo calcetto dedicato a Roberto Anzolin

tutta colpa di Starsky e Hutch

Pagano loro...paghiamo tutti

noi cretini..e loro vittime

Non dobbiamo preoccuparci ?

prove di acquaticita' o giochi senza frontiere
Comunicati - News
Venerdì 16 Giugno 2017 20:32

Un bel giorno ‘riva in Questura un novo Paron che el decide de rimetar in pie ea seconda voeante lagunar.

Porco can, ma cossì vien ‘vanti ‘naltra rogna…… manca i quattro omeni che serve par completar i equipaggi.

Eora i se gà pensà de far montar in barca omeni che no xe boni de guidarle, tanto basta soeo che i smonta in riva par far i interventi che ea saea operativa ea ghe dise via radio.

Boia miseria, ma cossì vien fora ‘naltra rogna, come posso mettar in barca gente che magari no xe bona de noar?

Ecco che a sto punto se materiaisa ‘naltra splendida idea, ghe femo far e prove natatorie!!!

Cossì, un pochi de omeni dee voeanti de tera, i vien ciamai e dopo averli fatti montar su un barcon i vien portai su un posto non mejo identificà.

No, no i xe stai portai sull’isoea dei famosi, i xe stai portai su un posto, forse verso el Lido, par sostener sta prova natatoria.

Come nel perfetto stie dei xoghi sensa frontiere, i ghe ga fato metar ‘na tuta da ginastica vecia, un per de scarpe da ginastica vecie anca quee (parchè ea roba da vestir ea se rovina col salso), e i ga messi soea linea de partensa.

I ghe ga messo dei pesi sue caviglie e soea vita, i ghe ga fato metar un giubbotto e dopo aver fato un poche de flession sui brassi i ghe ga dito de saltar in acqua e de moverse par star a gaea.

Insomma, pareva de essar sul set de i xoghi sensa frontiere de ‘na volta, e siccome i ga’ fatto ste prove a squadre (dee voeanti), in pratica xe sta xogà el “fil rouge”.

Pecà che no ghe gera ea Rosanna Vaudetti come presentarice.

Invesse ghe gera qualchedun che faseva da giudice, ma no se sa chi che ghe ga dito de farlo e quaea carica el gaveva avuo par sti xoghi.

No bastasse, no se sa gnanca se sto xogo, el va ben par capir se un omo el xe bon de noar opure no.

In pratica, gavemo dei vincitori ma siccome no xe sta ‘gnacora xogà el jolly, podaria rebaltarse ea situasion co na squadra che ea ciapa più punti de n’altra e cossì i vinse ea carega dentro ea voeante lagunar 2.

Na roba xe certa, no se ga mai visto gnente de simie a Venessia.

Va ben sercar de capir se ea gente xe bona de noar, ma rivar a metarghe i pesi indosso par vedar se i gaeggia me par che sia un fià massa……

E po, possibie che no se podesse far saver in giro che gera scuminsià ea nova edision de xoghi sensa frontiere?

No, soeo e squadre xa fate.

Ma , se quei dee squadre dee voeanti de tera e va in voeante lagunare, chi xe del personae dea Questura che va a stropar i busi su quee de tera?

Sta roba vea diremo co ea prosima puntata de xoghi sensa frontiere, intanto vardè ea vostra posta, podaressi trovarve aggregai da qualche parte par un novo xogo……

In Questura a Venessia no ghe xe più frontiere par nissuni……..

Allegati:
FileDimensione del FileModificato il
Scarica questo file (170615 VE CO prove di acquaticita' o giochi senza frontiere.pdf)prove di acquaticita' o giochi senza frontiere427 Kb16/06/2017 20:35
Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Giugno 2017 20:39
 
Contratti aumenti inaccettabili pronti alla mobilitazione
Comunicati - News
Martedì 26 Dicembre 2017 20:58

Rinnovo contratti, a Roma riunione con l’Esecutivo, il Coisp: “Le risorse a disposizione porterebbero ad aumenti che non riconoscono pienamente i quotidiani sacrifici delle donne e degli uomini della Polizia. Pronti alla mobilitazione”

 

“Nel corso dell’odierno confronto per discutere del rinnovo contrattuale ci siamo trovati di fronte a una proposta che, ancora una volta, è per noi difficile accettare. Dopo otto anni di illegittimo blocco dei contratti è assurdo pensare di proporre aumenti che non rispondono minimamente alla vitale necessità di salvaguardare il potere di acquisto degli stipendi ma anche di incrementare sia il compenso per il lavoro straordinario, sia le indennità previste per i compiti maggiormente gravosi e rischiosi. Quelle snocciolate oggi sono cifre che giudichiamo inadeguate per testimoniare la specificità del nostro lavoro. Se non si adegueranno gli amenti ai nostri reali bisogni, siamo pronti alla mobilitazione nazionale, che ci vedrà manifestare nelle piazze di ogni città del Paese”.

Questo il primo commento di Domenico Pianese, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, presente oggi a Roma in occasione della prima concreta discussione al tavolo per il rinnovo del contratto di lavoro degli appartenenti al Comparto Sicurezza e Difesa, alla presenza dei ministri Padoan, Madia, Minniti e Pinotti. La proposta presentata ai Rappresentanti Sindacali prevede sostanzialmente lo stanziamento di somme che consentano un aumento medio lordo mensile non inferiore a 102 euro al mese, cui dovrebbero aggiungersi circa altri 150 milioni da dividere per gli Appartenenti all’intero Comparto. Il tutto porterebbe, in sostanza, a un aumento medio netto di 40 euro mensili che i Poliziotti riceverebbero dopo sette anni in cui hanno avuto gli stipendi illegittimamente bloccati.

“Abbiamo compreso e apprezzato - argomenta Pianese - la buona volontà e lo spirito dimostrati dal Governo in tema di riordino delle carriere, ma questa del rinnovo contrattuale è tutta un’altra partita. E con lo stesso senso di responsabilità, che ci obbliga a tutelare il vero interesse di migliaia di poliziotti italiani, diciamo no a una proposta che non darebbe corso a un giusto e conseguenziale riconoscimento economico ai Poliziotti per un carico di lavoro e responsabilità sempre più aumentato nel corso del tempo. Gli appartenenti al Corpo della Polizia di Stato lottano quotidianamente per tener fede al proprio dovere, del tutto unico e speciale. Siamo chiamati a fronteggiare innumerevoli servizi vitali per il Paese, dalla lotta ad ogni forma di criminalità, alla gestione dell’ordine pubblico, dalle problematiche connesse al fenomeno migratorio alle pressanti ed emergenziali attività di lotta al terrorismo. Difendiamo ogni giorno la sicurezza e la libertà dei cittadini e rappresentiamo un baluardo a difesa della democrazia e dello Stato di diritto, e questo a costo di immani sacrifici e versando un altissimo tributo di vite umane al Paese, contando quasi giornalmente morti e feriti. Pensare di poter contraccambiare tutto questo destinando 40 euro al mese a famiglie che hanno il sacrosanto diritto di vivere almeno dignitosamente non lo troviamo appropriato!”.

Allegati:
FileDimensione del FileModificato il
Scarica questo file (171222 RM CO Contratti  aumenti inaccettabili pronti alla mobilitazione.pdf)Contratti aumenti inaccettabili pronti alla mobilitazione67 Kb26/12/2017 20:59
Ultimo aggiornamento Martedì 26 Dicembre 2017 21:00
 
il Questore manda il camper anche a Marghera - le precisazioni del COISP
Comunicati - News
Venerdì 08 Settembre 2017 21:30

 

Il camper della polizia a Marghera?

Oggi c’e e domani chissà!!!

 

Il questore di Venezia ha annunciato che anche a Marghera ci sarà il camper della polizia, quale presidio di sicurezza sul territorio, da posizionare a seconda delle esigenze.

Ben venga tale decisione a patto che non sia una sorta di “specchietto per le allodole”, come dire: oggi c'è, domani chissà. Il Coisp per bocca del Segretario Provinciale Francesco Lipari, chiede garanzie che tale servizio si traduca in un effettivo rinforzo del Commissariato di Marghera, perché teme si inserisca nella strategia di smantellamento del commissariato medesimo annunciata dal questore fin dal suo insediamento.

Di fatto, il questore Danilo Gagliardi ha tolto la Volante a Marghera e, sarà una pura casualità, si è registrato un aumento di episodi criminali: questa è la realtà.

Il Coisp per parte sua non abbassa la guardia e continuerà nella sua battaglia per salvare il Commissariato di Marghera.

Saremo sempre dalla parte dei cittadini, della sicurezza e della polizia.

Allegati:
FileDimensione del FileModificato il
Scarica questo file (20170907 VE CO il Questore manda il camper anche a Marghera - le precisazioni de)il Questore manda il camper anche a Marghera - le precisazioni del COISP182 Kb08/09/2017 21:31
Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Settembre 2017 21:32
 
Corteo contro gli sgomberi, si manifesti a sostegno della polizia
Comunicati - News
Lunedì 28 Agosto 2017 20:51

Corteo contro gli sgomberi, il Coisp: “Manifestazione a sostegno di comportamenti illegali? Un Paese assurdo. Politica e Istituzioni dovrebbero insorgere a difesa della Polizia di Stato e delle regole che devono valere per tutti”

 

 

“Un corteo contro gli sgomberi degli abusivi dalle altrui proprietà? Questo pomeriggio a Roma assisteremo all’ennesimo spettacolo mediatico organizzato ed evidentemente sostenuto da alcune parti politiche pronte come sempre a dare addosso alla Polizia, sottacendo fermamente sulle proprie gravi ed evidenti responsabilità politiche. Un corteo a sostegno di chi pratica l’illegalità? La soluzione ai problemi sociali è indulgere alla commissione di reati? E’ un paese assurdo. Si manifesti una volta tanto a sostegno delle Forze dell’Ordine e delle regole”.

Lo afferma Domenico Pianese, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, a proposito del corteo previsto per questo pomeriggio nel centro di Roma organizzato da collettivi e movimenti per il diritto alla casa anche per protestare contro la politica degli sgomberi delle abitazioni abusivamente occupate. Una manifestazione che desta preoccupazione soprattutto perché segue agli incidenti verificatisi in piazza Indipendenza, nella Capitale, in occasione dello sgombero dell’edificio di via Curtatone, che hanno a loro volta dato il via a forti polemiche dovute all’intervento delle Forze dell’Ordine inviate a liberare la piazza.

“Già è stato grave e incomprensibile – dice Pianese - aver sentito criticare i colleghi impegnati in un servizio pericolosissimo, nonostante siano stati aggrediti e nonostante abbiano come al solito dovuto farsi carico dei problemi causati dalla cattiva gestione di chi aspetta solo che le ‘grane’ scoppino per poi ricorrere come sempre al nostro intervento. Ora dobbiamo anche vedere che si manifesta a sostegno di chi delinque violando di fatto leggi dello Stato che dovrebbero valere per tutti allo stesso modo. E’ vergognoso. Invece che fare cortei a sostegno di chi abusivamente occupa abitazioni che non gli appartengono, politica e istituzioni dovrebbero insorgere a difesa della Polizia di Stato. Se c’è qualcuno che decide di spalleggiare chi occupa illegalmente case ed edifici altrui violando il principio costituzionale che sancisce l’inviolabilità della proprietà, questi non deve trovare sponde politiche né istituzionali”.

“E’ ora di smetterla – conclude il Segretario Generale del Coisp - con atteggiamenti di pericoloso permissivismo che, in pratica, significano ‘favoreggiare’ chi commette dei reati. La manifestazione di oggi pomeriggio, orchestrate dalle solite pseudo organizzazioni che professano l’occupazione delle case altrui come metodo di risoluzione della crisi abitativa, sono solo l’occasione per fomentare agitazioni e creare disordini e sperequazioni in danno dei cittadini onesti. Contiamo sull’altissima professionalità dei colleghi che dovranno ancora una volta rischiare la salute oggi a Roma, ma speriamo comunque che non debbano pagare il solito tributo di sangue per via dell’odiosa strumentalizzazione di alcuni e dell’incapacità assoluta di altri”.

Allegati:
FileDimensione del FileModificato il
Scarica questo file (170826 RM CO Corteo contro gli sgomberi, si manifesti a sostegno della polizia.p)Corteo contro gli sgomberi, si manifesti a sostegno della polizia153 Kb28/08/2017 20:51
Ultimo aggiornamento Lunedì 28 Agosto 2017 20:56
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 8 di 133