Barbara Balzerani, avrebbe dovuto rimanere in carcere per tutto il resto della sua vita PDF Stampa
Comunicati - News
Mercoledì 17 Gennaio 2018 14:46

 

Via Fani, il Coisp: “Nessuno choc per la frase della Balzerani, persiste quello stesso odio che ha portato alla morte di tanti Servitori dello Stato, e che non ha abbandonato tanti terroristi mai pentiti. Meritava di restare in carcere a vita”

 

“Barbara Balzerani, con le sue parole cariche di odio, di violenza, di disumanità, e prive di qualsivoglia briciolo di rispetto per la vita umana e per la sofferenza altrui che lei stessa ha causato, ci ha dimostrato una sola cosa: avrebbe dovuto rimanere in carcere per tutto il resto della sua vita. Il sistema giudiziario ha mostrato verso la Balzerani quella pietà che lei dimostra per l’ennesima volta di non possedere. E’ stato un errore lasciarle tutto l’agio di continuare a diffondere le sue virulente e pericolose idee, un’assassina che oggi, dopo aver solo in maniera presunta scontato il suo debito, in verità inestinguibile, ha la sfacciata sfrontatezza di calpestare la dignità e la memoria dei morti che ha disseminato, delle loro famiglie, di un Paese intero. Eppure la Balzerani torna a dare dimostrazione del suo incrollabile e pervicace desiderio di vedere annientato quello Stato che ha combattuto armi alla mano, e della sua indole convintamente orientata a una folle violenza. Il suo post su facebook è stato definito ‘scioccante’, ma per noi non lo è affatto, perché siamo ben consci di quale radicata ferocia animi alcuni che siamo costretti a fronteggiare nel nostro lavoro. Una malvagità chiara e innegabile, che si porta appresso aggirandosi liberamente in mezzo a tanti cittadini di uno Stato che ha disprezzato e continua a disprezzare. Ma l’indignazione suscitata dalla parole farneticanti di questa persona è un bene. E’ un bene che in qualche occasione si torni a riflettere su quell’odio profondo, viscerale e senza limiti che negli anni più bui della nostra storia ha portato allo spargimento del sangue di tanti Servitori dello Stato, ed evidentemente mai sopito dentro alcuni”.

E’ il duro commento di Domenico Pianese, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, dopo la notizia del post definito “choc” pubblicato dall’ex terrorista delle Brigate Rosse, Barbara Balzerani, unica donna a partecipare alla strage di via Fani, quando Aldo Moro venne rapito e cinque uomini della sua scorta furono crivellati di colpi e uccisi, che a due mesi dall’anniversario del gravissimo fatto di sangue, che ricorrerà il 16 marzo 1978, su facebook ha scritto: “Chi mi ospita oltre confine per i fasti del 40ennale?”.

“Il caso della Balzerani – insiste Pianese –, come di molti altri terroristi mai pentiti, è la prova provata dell’inefficienza di un sistema che non pretende l’assoluta certezza della pena, neppure di fronte a chi non arriva mai a comprendere l’orrore generato dai propri errori né a pentirsene. Neppure di fronte al valore incommensurabile della vita delle vittime”.

Allegati:
FileDimensione del FileModificato il
Scarica questo file (180116 RM CO Barbara Balzerani, avrebbe dovuto rimanere in carcere per tutto il )Barbara Balzerani, avrebbe dovuto rimanere in carcere per tutto il resto della s67 Kb17/01/2018 14:47